Indice degli argomenti

  • Introduzione

    Il Seminario fa parte di un Ciclo di Seminari dal titolo “Il libro ha un futuro?”, organizzato dalla Biblioteca Palatina ed il Museo Bodoni, in collaborazione con la Facoltà di Lettere dell'Università di Parma, il Liceo Classico “G.D. Romagnosi”, l'Istituto d’Arte “P. Toschi” e dedicato alla memoria di Armando Marchi, scrittore e intellettuale parmigiano. Il progetto intende analizzare la problematica dello sviluppo dell’editoria alla luce dell’evoluzione delle nuove tecnologie ed è inteso come sviluppo dell'attività didattica rivolto all’ambito degli studenti universitari e delle scuole superiori.  

    Seminario sul Futuro del Libro 2011

  • E-book: è possibile che entri nelle nostre abitudini?

    Come definire un e-book? Il Dizionario Treccani scrive:
    – 1. Dispositivo il cui schermo ha le dimensioni della pagina di un libro, equipaggiato in modo da caricare telematicamente il testo di uno o più libri e permetterne la lettura sullo schermo.
    - 2. Qualsiasi libro reso disponibile in formato digitale per consentirne un’agevole consultazione sullo schermo di un personal computer
    Il limite di questa definizione sta nel considerare l’e-book solo come tecnologia, e non come sistema culturale. Secondo Chartier, la  “cultura del libro” è un insieme di fattori materiali, testuali e di pratiche di fruizione. Attualmente stiamo assistendo alla modificazione della cultura del libro, grazie all’innovazione di tutti e tre gli elementi con l’avvento dell'e-book: i supporti fisici, le pratiche di lettura e la struttura del testo vengono a essere modificati contemporaneamente.
  • Produttori, prodotti e formati

    Il contesto della produzione e diffusione della conoscenza è diventato complesso a causa della convergenza al digitale di diversi settori: reti di telecomunicazioni, produttori di contenuti, fornitori di servizi. Cooperare o competere di fronte alla convergenza? la tendenza attuale è per la competizione, con nuovi produttori di contenuti digitali, come le biblioteche o Telecom che diventano editori, nuovi fornitori di servizi, come i motori di ricerca, i produttori di hw e sw, ecc..

    La competizione non ha portato però a migliorare la disponibilità di contenuti digitali e di servizi di accesso, che sono ostacolati dai formati proprietari e dai Digital Right Management (DRM) che limitano l'accesso.

    Limitandosi al mercato editoriale commerciale, la previsione del futuro della produzione degli e-book è ottimistica. La società di consulenza Kearney per Bookrepublic prevede un raddoppio in un anno degli attuali titoli disponibili, circa 20.000 e degli e-book che saranno venduti.Ecosistema

  • Cambierà il nostro modo di leggere?

      Lettura digitale

    La lettura diventa un fenomeno sempre più sociale

  • Collaborare ed apprendere con l'e-book

    Ma se cambiano i libri, deve cambiare anche il modo di fare e diffondere cultura in Italia:

    - condivisione e socializzazione del sapere
    -  apprendimento collaborativoApprendere con e-book
Salta Navigazione

Navigazione

Salta Co-Lab

Logo della Biblioteca Palatina

Logo del Museo Bodoniano

Salta Co-Lab su FacebookSalta I tweet di A.M. Tammaro

I tweet di A.M. Tammaro

Salta Ricerca nei forum

Ricerca nei forum

Cerca
Ricerca avanzataAiuto su Cerca
Salta Attività recente

Attività recente

Attività a partire da mercoled, 16 agosto 2017, 16:36

Nessuna novità dal tuo login più recente