Slide (quasi?) accessibili

Il tema "Presentazioni accessibili", cioè fruibili da tutti, persone con disabilità comprese, è quanto mai complesso, in quanto sono molteplici i contesti d'uso di una presentazione.

Per semplicità, ci riferiamo ai due contesti più comuni: la presentazione in sala, la presentazione sul web.

Presentazioni in sala

Nel caso di presentazioni in sala (convegni, incontri, riunioni) esistono delle variabili ambientali che è opportuno conoscere in anticipo. Tra le più significative:

  • ampiezza del locale
  • numero di partecipanti previsti
  • illuminazione della sala
  • disponibilità di microfoni e, in generale, sistema acustico.

La conoscenza di questi dati può impattare su alcune scelte, anche se il consiglio è di prepararsi alle peggiori condizioni ambientali, curando in particolare la scelta di contrasti testo sfondo adeguati, a meno che la parola scritta abbia una funzione più decorativo-emozionale che informativa (ma questo lo sanno fare bene solo i professionisti delle presentazioni, ricordiamoci).

Anche la scelta e la dimensione del font è molto importante. Le persone con difficoltà visive, ad esempio, rischierebbero di non leggere testi scritti troppo piccoli, oppure troppo attaccati ai bordi di una tabella o di un'immagine o scritti con un font poco leggibile, tipo il Mistral, oppure ancora senza adeguata interlinea.

Un altro aspetto da tenere presente è l'uso della parola che accompagna lo scorrere della presentazione. E' opportuno scandire bene le parole, utilizzare un linguaggio semplice ed efficace, evitare di perdersi nei labirinti delle subordinate e soprattutto non mettersi a parlare veloce per recuperare il tempo perduto o per stare nei 10 minuti assegnati dall'organizzazione. Meglio dire di meno e farsi capire di più.

Ma, ricordiamoci, alla base di tutto, anche dell'accessibilità di una presentazione, resta sempre l'imperativo tipico della buona comunicazione: interessare e non annoiare!!

Presentazioni sul web

Le presentazioni nascono per il pubblico e per essere proiettate in una sala.

Tuttavia è sempre più frequente la richiesta/bisogno di farle ritrovare de qualche parte sul web. Attraverso le slide, inoltre, molti trovano un modo efficace per veicolare informazioni e sintesi di lavori.

Il modo migliore per realizzare presentazioni accessibili è quello di ...non usare i classici programmi per fare presentazioni (Powerpoint, Keynote, Impress, Google presentazioni, ...), ma affidarsi piuttosto a programmi basati su HTML, CSS e javascript, cioè scritti come una pagina web.
Tra questi, segnaliamo S5 di Meyer (http://meyerweb.com/eric/tools/s5/), di cui trovate un'introduzione  in http://www.porteapertesulweb.it/newsletter/aprile-07/7-scrivere-presentazioni-con-s5/ e un esempio in http://www.giovanetti.it/file/corso_linguaggi/pubblicare1.html.
Un altro bell'esempio di presentazione accessibile è di Maurizio Vittoria: http://marciana.venezia.sbn.it/audiobook/.

Spesso però non è possibile fare così, sia per questione di tempo, sia per scarsa conoscenza del linguaggio HTML, sia perché si desidera veicolare la presentazione in ambienti social tipo Slideshare o Scribd.

In questo casi, si consiglia di utilizzare almeno qualche precauzione:

  • evitare file troppo pesanti da caricare (eventualmente comprimere le immagini e/o salvare in formato pdf);
  • indicare, a fianco della presentazione da scaricare, il formato e il peso della presentazione
  • tenere presenti le indicazioni viste nella sezione " Presentazioni in sala"
  • nel caso in cui la presentazione sia poco fruibile da chi utilizza sintesi vocali, aggiungere all'interno della pagina web una descrizione dei contenuti essenziali della presentazione
  • facilitare la fruizione (e la diffusione) della presentazione pubblicandola in un ambiente tipo Slideshare ed incorporarla nella propria pagine web, eventualmente insieme al link alla presentazione da scaricare
  • verificare il livello di fruizione dei contenuti principali della presentazione con alcune persone disabili.
Last modified: domenica, 19 giugno 2011, 12:19
Skip Co-LabSkip Navigation

Navigation